GIOVANI E LAVORO, ONLINE IL BANDO “PATTO TRA GENERAZIONI” DA 7 MLN DI EURO

Con 7 milioni di euro per il nuovo avviso pubblico “Patto tra generazioni” la Regione Lazio investe sul ricambio generazionale per incentivare l’inserimento lavorativo.

Una misura che si inserisce tra gli impegni presi con le parti sociali nel Protocollo per le politiche attive del lavoro e che vuole contribuire alla ripresa del tessuto imprenditoriale sostenendo l’occupazione e l’occupabilità dei giovani.

Gli incentivi per il ricambio tra lavoratore/trice prossimi al pensionamento e neoassunti under 35 – fino a 16 mila euro in base ai requisiti previsti dall’avviso – sono uno strumento cruciale per rendere sostenibile un vero e proprio patto tra generazioni senza penalizzare le imprese e accompagnando l’inserimento lavorativo.

Continuiamo con misure concrete al fianco di lavoratori e lavoratrici per una ripresa che sia nel segno del contrasto alle disuguaglianze verso un mercato del lavoro sostenibile e inclusivo.

Oggetto dell’Avviso e natura degli incentivi:

L’assegnazione di incentivi economici per incrementare l’occupazione di giovani lavoratori under 35, attraverso  l’assunzione a tempo indeterminato (compreso il contratto di apprendistato) in contesti aziendali in cui sono presenti lavoratori che maturano il diritto alla pensione prevede tre tipologie di incentivi:

– Un massimo di 16.000,00 euro per ricambio generazionale avvenga tra lavoratore/lavoratrice senior a cui manca un periodo compreso tra 12 e 24 mesi utile al raggiungimento del requisito pensionistico e il/la giovane;

Un massimo di 11.000,00 euro, nell’ipotesi in cui il ricambio generazionale avvenga tra lavoratore/lavoratrice senior a cui manca un periodo massimo di 12 mesi utile al raggiungimento del requisito pensionistico e il/la giovane di età massima di 35 anni assunto/a con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato compreso il contratto di apprendistato, fermo restando il rispetto dei vincoli di età del giovane a seconda della tipologia del contratto di apprendistato.

Al fine del rispetto di un principio di proporzionalità tra chi fuoriesce e chi entra in azienda, il costo salariale lordo del lavoratore neoassunto deve essere pari almeno al 60% del costo salariale lordo del lavoratore senior. Ove tale rapporto percentuale non possa essere rispettato, ai fini dell’ammissibilità della domanda, l’impresa deve assumere almeno due lavoratori under 35 per un
lavoratore senior che lascia.

In riferimento alle prime due tipologie di incentivi, essi sono vincolati a:

– il mantenimento in occupazione del giovane nei 12 mesi successivi all’assunzione, fatte salve le ipotesi di dimissioni volontarie, invalidità, riduzione volontaria dell’orario di lavoro, licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo;

– al contestuale mantenimento in occupazione del lavoratore senior individuato nel progetto di ricambio generazionale fino al raggiungimento del requisito pensionistico

Incentivo pari a 11.000,00 euro a favore dell’imprenditore/trice (in tale definizione rientrano soggetti titolari di microimprese, imprese familiari, studi professionali, botteghe storiche) a cui mancano massimo 12 mesi al raggiungimento del requisito pensionistico che cede la proprietà d’impresa ad un imprenditore/trice, professionista o dipendente o disoccupato di età massima di 35 anni. Almeno il 60% dell’incentivo in oggetto deve essere utilizzato per spese di innovazione e digitalizzazione delle attività d’impresa.

Destinatari

Destinatari della misura sono giovani inoccupati o disoccupati di età compresa tra 18 e 35 anni (36 anni non compiuti) italiani o stranieri, residenti o domiciliati nel Lazio insieme a lavoratori senior prossimi al raggiungimento dei requisiti pensionistici lavoratori svantaggiati che abbiano un’età compresa tra i 15 e i 24 anni che non abbiano un diploma di scuola media superiore o professionale (livello ISCED 3) o aver
completato la formazione a tempo pieno da non più di due anni e non avere ancora ottenuto
il primo impiego regolarmente retribuito;
categoria di lavoratore sottorappresentato rispetto al genere o appartenere a una minoranza etnica

Invio delle domande

Le richieste per l’incentivo potranno essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 03/08/2022 ed entro le ore 17.00 del giorno 12/01/2023 per le assunzioni effettuate a decorrere dal 01/01/2022 ed entro il 31/12/2022  attraverso la procedura telematica accessibile dal sito https://sicer.regione.lazio.it/sigem-gestione/.

Consulta il bando